Contratti di espansione: piu tempo per i prepensionamenti

Pensionati, Previdenza - 5 Mag 2023

Il nuovo Decreto lavoro approvato dal Governo  il 1 maggio scorso e in attesa di pubblicazione in Gazzetta ,  garantisce più tempo per l’attuazione dei piani di riorganizzazione che consentono i pensionamenti con anticipo fino a 5 anni  correlati ai Contratti di espansione (art 41 d.lgs 148 2015)  .

Ma ATTENZIONE: La novità riguarda solo le  aziende con  più di 1.000  dipendenti  che hanno già stipulato  entro il 2022 il contratto di espansione  con le rappresentanze sindacali. (Per le altre restano valide quindi le istruzioni già fornite dall’INPS sintetizzate nei paragrafi seguenti)

Per le grandi aziende in particolare è possibile dunque rimodulare le date di prepensionamento nell’arco di 12 mesi  a partire dal termine originario.

Si ricorda che la norma istitutiva del contratto di espansione   prevede :

  1. per i lavoratori  che accettano l’esodo anticipato una indennità mensile pari alla pensione maturata
  2. per i datori di lavoro le seguenti agevolazioni
  •  versamento  contributo NASPI  ridotto dell’importo equivalente alla indennità e
  •  versamento per i contributi previdenziali utili al conseguimento del diritto alla pensione anticipata  ridotto dell’importo  pari alla contribuzione figurativa.

Inoltre per le imprese o gruppi di imprese con un organico superiore a 1.000 unità  che si impegnino ad effettuare almeno una assunzione per ogni tre lavoratori  in uscita anticipata , la riduzione dei versamenti  per ulteriori dodici mesi,

Le istruzioni INPS 2022 sulle date di esodo

La circolare 88 pubblicata il 26 luglio  2022 fornisce le istruzioni dettagliate per l’applicazione dei prepensionamenti previsti  dal contratto di espansione (art 41 d.lgs 148 2015) come modificato dall’ultima legge di bilancio (L. 234 2021) che ha previsto  l’applicabilità per i datori di lavoro che impiegano almeno 50 dipendenti( mentre in precedenza il limite era fissato a 500, poi a 100 dipendenti).

Leggi per maggiori dettagli Contratto di espansione guida aggiornata

Nel  documento di prassi  in particolare   si chiarisce che:

  •  la fattispecie prevista dalla legge di bilancio 2022  deve intendersi applicabile anche ai datori di lavoro non imprenditori, sempre che  in possesso dei prescritti limiti dimensionali.
  •  il nuovo limite dimensionale non inferiore a 50 unità è riferito sia al singolo datore di lavoro sia alle ipotesi di aggregazione stabile di imprese sia di produzione che di servizi;
  •  l’indennità mensile è riconosciuta in favore dei dipendenti, assunti con contratto a tempo indeterminato che risultino iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti o alle forme sostitutive o esclusive dell’AGO, gestite dall’Inps, che abbiano risolto consensualmente il rapporto di lavoro entro il 30 novembre  dell’anno di riferimento del piano

NON  possono accedere i lavoratori che intendono  chiedere

  • pensione anticipata di vecchiaia per il personale viaggiante ,
  • la pensione di vecchiaia anticipata per invalidità non inferiore all’80 per cento.
  • la  pensione anticipata con opzione donna entro il 31 dicembre 2022.

La circolare precisa anche  le modalità di applicazione del contratto per il tramite dei  seguenti Fondi di solidarieta  bilaterali (ex art. 26 D.lgs. n. 148/2015)

  1. Imprese assicuratrici “Fondo intersettoriale di solidarietà per il  sostegno del reddito, dell’occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente dalle imprese assicuratrici e delle società di assistenza”
  2. Fondo di solidarietà del trasporto aereo
  3. Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell’occupazione e  della riconversione e riqualificazione professionale del personale  addetto al servizio della riscossione dei tributi erariali
  4. Fondo di solidarietà bilaterale del settore dei Gruppi ormeggiatori e  barcaioli dei porti italiani
  5. Fondo di solidarietà per il sostegno dell’occupabilità, dell’occupazione e del reddito del personale del credito cooperativo,
  6. Fondo di solidarietà per i lavoratori del settore marittimoSOLIMARE
  7. Fondo per il perseguimento di politiche attive a sostegno del  reddito e dell’occupazione per il personale delle Società del Gruppo  Ferrovie dello Stato Italiane
  8. Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, per il sostegno dell’occupazione e del reddito del  personale del credito,
  9. Fondo bilaterale di solidarietà per il sostegno al reddito del  personale delle aziende di trasporto pubblico
  10. Fondo bilaterale di solidarietà per il sostegno del reddito del personale del settore dei servizi ambientali
  11. Fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali
  12. Gruppo Poste Italiane S.p.A. “Fondo di solidarietà per il sostegno del  reddito, dell’occupazione e della riconversione e riqualificazione  professionale del personale del Gruppo Poste Italiane”
  13. Fondo TRIS – Fondo di solidarietà bilaterale per il sostegno del reddito del personale dei settori chimico e farmaceutico.

L’accesso all’esodo, a motivo dell’obbligo di monitoraggio del rispetto dei limiti di spesa  è consentito in una sola data prevista dal piano per tutti i lavoratori la quale:

  • per il 2022 non può essere successiva al 30 novembre 2022 , e 
  • per  il 2023, non può essere successiva al 30 novembre 2023.

Solo in casi particolari è prevista la presentazione di più di un piano di esodo in un anno.

(Occorre attendere la pubblicazione del nuovo decreto e le istruzioni INPS  per le aziende oltre i 1000 dipendenti interessate dalla novità in materia)

Come presentare domanda,  piani di esodo e fidejussione

Per ciascun piano di esodo, il singolo datore di lavoro interessato presenta apposita domanda all’INPS, accompagnata dalla fideiussione bancaria a garanzia della solvibilità degli  obblighi, ovvero:

  • versamento anticipato della provvista per la prestazione e
  • per la contribuzione correlata, al netto della NASPI.

Resta escluso il caso in cui il  datore di lavoro  decida di effettuare il versamento  in unica soluzione.

L’istituto precisa che  gli importi oggetto delle obbligazioni garantite potranno variare, anche mensilmente, quindi per la fidejussione  l’importo complessivamente dovuto deve essere maggiorato di una parte variabile pari almeno al 15%. 

Il datore di lavoro è tenuto a trasmettere alla Struttura INPS territoriale

  1. – copia del contratto di espansione sottoscritto presso il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali;
  2. – la “Richiesta di accreditamento e variazione dell’indennità mensile di cui all’art. 41 comma 5-bis, del d.lgs. 148/2015, come modificato dall’art. 1, comma 349, della legge 178/2020” (modulo “SC96”), disponibile sul sito istituzionale www.inps.it, nella sezione “Moduli”;
  3. – la domanda di autorizzazione all’accesso al Portale delle prestazioni atipiche (“PRAT”) per il personale o il delegato individuato dal datore di lavoro a operare sull’applicazione (modulo “AA02”, denominato “Richiesta di abilitazione ai servizi telematici per gli Enti esodanti”), disponibile sul sito istituzionale www.inps.it, nella sezione “Moduli”.

L’Inps si impegna a rilasciare una certificazione del diritto se il datore di lavoro presenta domanda almeno 90 giorni prima della data di ingresso alla prestazione di accompagnamento a pensione del primo lavoratore. Tale possibilità è garantita al massimo per il  20% dei lavoratori indicati nel contratto di espansione.

Lascia un commento