Attenzione ai libretti di risparmio postale dormienti, c’è tempo fino al 21 giugno per dare disposizioni

Mondo UCI - 6 Mag 2022

In un avviso del 23 aprile scorso, Poste Italiane ha posto l’attenzione sui libretti di risparmio postale dormienti.

Entro il 21 giugno 2022 i titolari dei libretti risultati “dormienti” alla data del 30 novembre 2021, sono invitati a dare disposizioni presso qualsiasi Ufficio Postale e consentire il censimento anagrafico del proprio Libretto, al fine di evitare, successivamente a quest’ultima data, l’estinzione del Libretto. Le cifre potrebbero essere devolute al Fondo istituito dalla Finanziaria 2006.

Si tratta di polizze, assegni, libretti di risparmio e conti non movimentati con un saldo superiore a 100 euro.

Nella categoria dei “conti dormienti” rientrano anche, depositi di denaro, libretti di risparmio (bancari e postali), conti correnti bancari e postali, ma anche azioni, obbligazioni, certificati di deposito e fondi d’investimento nonché assegni circolari non riscossi entro il termine di prescrizione.

Si tratta in pratica di somme mai movimentate per 20 anni, per le quali il Ministero dell’Economia e delle Finanze ritiene comunque opportuno invitare ad effettuare una verifica puntuale sull’esistenza di “conti dormienti” intestati a proprio nome o a nome di familiari di cui possano risultare eredi, al fine di inoltrare, nel caso, domanda di rimborso in tempo utile.

Per info, chiunque abbia dei dubbi in merito, può consultare la pagina dedicata all’argomento sul sito delle poste italiane

https://buonielibretti.poste.it/prodotti/libretti-dormienti.html

Inizio modulo

il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha affidato a Consap la gestione delle domande di rimborso dei “Rapporti dormienti”, cioè quei conti correntiassegni circolarilibretti nominativilibretti al portatorecertificati di deposito nominativicertificati di deposito al portatorefondi di investimenti o altri strumenti finanziari confluiti al Fondo di cui all’art. 1, comma 343, della legge n. 266/2005.

Se sei titolare di uno o più titoli confluiti al Fondo, le domande di rimborso si possono presentate a Consap Spa per via telematica oppure a mezzo Raccomandata a/r presso la sede della società.

La banca dati messa a disposizione da Consap Spa, a cui sono state affidate le procedure di rimborso, è raggiungibile sulla pagina ufficiale https://www.consap.it/rapporti-dormienti/rapporti-dormienti-area-cittadini/.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.